Image
Leica APO-Televid 65_Hero

Leica
APO-Televid 65 W

Il cannocchiale da osservazione piccolo e compatto, al massimo livello

Image
Sophisticated optics and rugged mechanics
Precisione ottica e solidità meccanica

Il Leica APO-Televid 65 restituisce un’immagine con colori fedeli, alta nitidezza e massimo contrasto, specialmente in condizioni di luce giornaliera. Con i suoi 30 cm di lunghezza, questo cannocchiale è eccezionalmente portabile, offrendo anche una minima distanza di messa a fuoco di 2.9m. La robusta scocca in lega di magnesio e gomma rendono questo scope molto resistente a urti e impatti.

Compatti e resistenti

Il compatto APO-Televid 65 è ideale per escursioni lunghe e impegnative e per le gite in montagna più faticose. Gli urti sono assorbiti da un resistente involucro in lega di magnesio, rivestito in gomma.

Luminosi e brillanti

Eccellente fedeltà cromatica e massima nitidezza, combinate con la massima soppressione delle luci parassite per un contrasto ottimale.

Progettazione con oculare angolato

La concezione con oculare angolato consente una comoda osservazione da una posizione naturale, anche nel lungo periodo.

Slider 1 Slider 2 Slider 3 Slider 4 Slider 5
APO-Televid 65 W Accessori
Image
The Leica Eyepiece 25-50x WW ASPH

Leica oculare 25-50x WW ASPH.

L’oculare zoom grandangolare 25 x – 50 x WW ASPH. consente una visione perfetta sull’intero campo visivo, con un’eccezionale nitidezza fi no ai bordi. Grazie alle straordinarie caratteristiche di trasmissione luminosa, arriva a prestazioni superiori senza limiti sull’intera escursione dello zoom. L’oculare è fornito completo di custodia e tappi per oculare e baionetta.

Image
Extender 1.8x

Leica Extender 1.8x

In combinazione con i cannocchiali Televid e l’oculare 25-50x, questo Extender 1.8x permette ingrandimenti fino a 90x. Con quest’estrema espansione dell’angolo di visione rende l’osservazione di animali, di natura e astronomica ancora più piacevole.

Image
Zitat 2_Hero

„La vista più bella arriva al termine di un sentiero roccioso. Da quassù, si vede il mondo da un'angolazione completamente diversa. Tutto sembra lontanissimo, ma anche così vicino. Vivere insieme questa distanza e questa vicinanza è qualcosa di molto speciale. Si ha un posto in prima fila, sia nel ruolo dell’osservatore silenzioso che in quello del protagonista, sul grande palcoscenico della vita. Forse dovremmo cambiare più spesso la nostra prospettiva, per scoprire cose nuove e per trovare il nostro posto nella natura.“